Articoli

Riflessologia Plantare

COS' E' LA REFLESSOLOGIA PLANTARE

La reflessologia è una tecnica olistica che prende in considerazione la persona nella sua globalità, e si basa sul principio che ogni evento della vita dell'uomo influisce sul suo benessere psico-fisico. E' un metodo semplice, non invasivo, che agisce esclusivamente sul piede dell'individuo trattato grazie ad una pressione manuale dell'operatore. Nel piede, infatti, sono riflessi organi e funzioni del corpo umano secondo una vera e propria mappa. L'obiettivo della Reflessologia Plantare è ricercare l' equilibrio della persona, attraverso un'attivazione energetica generale, evitando di soffermarsi solo sul singolo disturbo. La Reflessologia plantare, in quanto terapia non convenzionale non si pone come alternativa alla medicina ufficiale, ma come un suo valido supporto agendo sull'attivazione delle risorse naturali presenti nell'organismo, favorendo così il riequilibrio delle funzioni fisiologiche: requisito indispensabile per il mantenimento di uno stato di benessere. Infatti, se si interviene all'inizio di un evento patologico aiuta a svelarne i primi sintomi e a favorire, là dove necessario, l'invio della persona trattata al medico specialista.

LE ORIGINI

La Reflessologia  era conosciuta ed utilizzata già migliaia di anni fa. A dimostrazione vi è il ritrovamento di alcuni reperti archeologici di Sakkara, in Egitto, risalenti al 2330 a.c. che raffigurano l'arte del massaggio ai piedi e alle mani. Tecniche simili erano presenti fra i nativi d' America, nelle culture tibetane, cinesi, indiane,  in occidente, invece, i benefici di questo metodo tardarono ad affermarsi e vennero utilizzati solo agli inizi del secondo scorso. Fu un medico americano, il Dr. W. Fritzgerald, a tracciare per primo una serie di mappe sistemiche raffiguranti le zone riflesse sia sui piedi, che sulle mani. Gli studi vennero poi ripresi negli anni '30 da E.D. Ingham, la quale, dopo approfondite ricerche, nel 1938 diede alla stampa il volume "Le storie che i piedi possono raccontare". In Italia la Reflessologia plantare è stata diffusa da Elipio Zamboni, Massofisioterapista, che agli inizi degli anni '70 diede vita alla prima Associazione di Reflessologia Plantare.

COSA AVVIENE DURANTE UNA SEDUTA DI REFLESSOLOGIA

Questa particolare tecnica di massaggio viene praticata usando esclusivamente i pollici. L' operatore esercita una pressione basculante, più o meno leggera, su certe zone del piede. Tali zone, vengono premute seguendo la mappa dei punti riflessi secondo un percorso ben preciso e definito. La sensazione che la persona prova, quando l' operatore esercita una pressione in un determinato punto, può essere di piacere, indifferenza, fastidio, dolore. Tutto questo può fornire indicazioni sulla funzionalità dell'organo corrispondente a quel particolare punto riflesso nel piede. Durante la prima seduta l'operatore cerca di ricevere più informazioni possibili sullo stato di equilibrio generale dell'organismo, dedicandosi alla ricerca dei "punti dolenti". Questa prima fase è importante e delicata, poichè la sensazione di fastidio o dolore, fornisce indicazioni preziose, sulla base delle quali l'operatore imposterà un "iter reflessologico" specifico e personalizzato. L' indagine del reflessologo non vuole in alcun modo sostituirsi ad una diagnosi medica o ad analisi specialistiche , strumentali, in quanto atto di pertinenza della professione medica cui lo Stato riconosce la cura della salute del cittadino. Il reflessologo non effettua diagnosi e non prescrive terapie.

QUANTE SEDUTE SONO NECESSARIE

Il numero delle sedute sono valutate  dall'operatore e possono variare in base alle problematiche che si presentano , in quanto ogni persona è un piccolo mondo a sè e pertanto necessita di tempi personalizzati per favorire un naturale processo di autoguarigione. Ogni seduta ha la durata di 40 minuti.

A CHI E' UTILE

Questa tecnica ha un campo d' applicazione piuttosto ampio, non è invasiva ed è adatta ad ogni età: lattanti, bambini, donne in gravidanza, anziani, e persone sane che ricercano il mantenimento di una buona condizione generale di benessere. Particolare beneficio ne avranno le persone  affette da gravi  patologie, come sostegno psico-fisico alla cure mediche.

CONTROINDICAZIONI

La Reflessologia Plantare è controindicata in presenza di alterazioni significative agli arti inferiori.

Informazioni aggiuntive